Pisellino gonfio, cisti smegmatiche e altre sorprese

Pisellino gonfio, cisti smegmatiche e altre sorprese

Parafimosi, cisti smegmatiche, balanopostite… quali sorprese ci riserva il pisellino dei bambini?

Il pisellino gonfio nei bambini può dipendere da diverse condizioni a seconda dei sintomi che accompagnino il fenomeno.

Balanpostite, parafimosi, ballooning… alcune di queste sono gestibili con terapia medica altre con manovre specifiche o con chirurgia (talora d’urgenza).

In questa pagina voglio descrivere alcune frequenti situazioni che possono capitare al pisellino del nostro bambino.

Non ultime le cisti smegmatiche, ovvero solide e indolenti placchette biancastre che si formano nella sottopelle (sotto il prepuzio!) e che, seppur non destano urgenza, spesso destano molta preoccupazione.

Ma in primis chiariamo alcuni termini:

  • per glande s’intende la “punta rosea del pisellino” ovvero la parte alta dove è normalmente presente il forellino da cui sbuca la pipi;
  • col termine prepuzio ci si riferisce invece alla “porzione di pelle” che normalmente ricopre il glande.

Pisellino gonfio: Parafimosi

Trattasi di pisellino gonfio con glande scappellato, rosso-violaceo e dolente.

E’ un’ emergenza chirurgica che si può creare in bambini che di base presentano una fimosi, quando “scappellano” il prepuzio per fare pipi e poi dimenticano di rimetterlo a posto.

Se il pisellino è fimotico (stretto) esso potrebbe comprimere la base del glande riducendo il deflusso di sangue provocandone il rigonfiamento.

Leggi anche – Fimosi nei bambini e aderenze balano-prepuziali

Si instaura cosi un circolo vizioso in cui il glande tende ad essere sempre più gonfio e dolente a causa di un prepuzio fimotico disolcato che sempre più difficilmente diviene riposizionabile in sede.

Manovra di re-incappucciamento d’emergenza

Per rimettere le cose a posto è spesso sufficiente effettuare una manovra in cui in contemporanea si comprime il glande e si traziona il prepuzio per reincappucciarlo.

Solo in rari casi, ove questa manovra non funzioni è necessario ricorrere d’urgenza alla chirurgia.

Pisellino gonfio: Balanopostite

Trattasi di pisellino gonfio, arrossato, con secrezioni e che brucia

La balanopostite è un’infezione del glande (balanite) e del prepuzio (postite), solitamente susseguente a scarsa igiene (favorita talora da situazioni di fimosi o aderenze di base)

Si caratterizza per arrossamento, gonfiore e bruciore della parte alta del pisellino (glande e prepuzio).

Tale situazione si giova spesso di disinfezione, uso di pomate antibiotiche e cortisoniche locali per ridurne l’esito cicatriziale e impedirne per quanto possibile l’evoluzione in fimosi patologica.

Uno dei vari prodotti di largo utilizzo nelle balanopostiti in quanto associa la funzione antibiotica e cortisonica al gradevole effetto anestetico locale, è sotto consiglio del proprio medico ad esempio:

  • Nefluan gel: 1 applicazione 3 volte al giorno

Occasionalmente, a giudizio del proprio pediatra, può rendersi necessario il ricorso ad antibiotici per via orale.

Pisellino gonfio: Ballooning Preminzionale

Pisellino improvvisamente gonfio alla punta (prepuzio gonfio) durante la pipì con impaccio o impossibilità al deflusso delle urine.

Questo fenomeno desta sempre molto spavento nelle famiglie si chiama ballooning preminzionale (poichè il prepuzio si gonfia come un palloncino ad acqua) e conduce dritti in pronto soccorso.

Esso si verifica quando in un bimbo si sia instaurata una fimosi serrata che impedisce il deflusso della pipi.

Accade dunque che di colpo la parte alta del pisellino si gonfia in maniera abnorme in quanto l’urina si accumula tra prepuzio e glande.

In questi casi una valutazione chirurgica è doverosa per capire se necessario circoncidere.

Nell’attesa una pomata al cortisone e lievi manovre di trazione possono essere utili per sfibrare la fimosi almeno quel tanto necessario per favorire la fuoriuscita dell’urina.

Cisti Smegmatiche e fugaci rigonfiamenti

Le cisti smegmatiche sono strane placchette biancastre indolenti sottopelle.

Esse si localizzano all’interno del prepuzio o del solco coronale (cioè subito sotto il glande) e non sono altro che raccolte solide di smegma, una secrezione biancastra che si accumula nel prepuzio e che esercita funzione protettiva in questa zona.

La presenza di aderenze balano-prepuziali o di fimosi può talora favorire la formazione di tali cisti.

In presenza di aderenze e cisti può talora verificarsi un transitorio e fugace rigonfiamento durante la minzione poichè l’urina prima di trovare la via di uscita va a gonfiare le sacche formatesi sotto il prepuzio tra le aderenze e le cisti.

Ma nulla di grave per fortuna.

Le cisti smegmatiche non necessitano di alcun trattamento, anzi, la loro presenza può favorire la risoluzione di suddette aderenze.

Quando le cisti smegmatiche sono presenti nella parte esterna del prepuzio o a livello dello sbocco dell’uretra vanno differenziate dal Lichen Scleroso (una sindrome autoimmune) nelle sue fasi iniziali.

La pulizia del pisellino è fondamentale per favorirne la lenta risoluzione col tempo.

Leggi anche – Pulizia pisellino in neonato e bambino

Fonti

  • Pathologic and physiologic phimosis, Approach to the phimotic foreskinThomas B. McGregor MD John G. Pike MD FRCSC Michael P. Leonard MD FRCSC FAAP
  • Nelson, Textbook of Pediatrics, 18th Edition

Resta aggiornato su novità e corsi
ISCRIVITI AL SITO

Ti è piaciuto l'articolo? Condivilo!

Lascia un commento